di STEFANO RAVAGLIA

 

Sabato 31 marzo tutto il Milan si trasferirà a Torino. Ma proprio tutto. La Primavera di Maurizio Lupi sarà impegnata nell’incontro di campionato contro la Juventus a Vinovo alle ore 13, e circa sei ore più tardi sarà la squadra di Gattuso a trasferirsi allo Juventus Stadium per giocare contro i bianconeri, quelli grandi. In casa di Higuain e compagni si presenterà un Milan completamente diverso da quello dell’andata, sconfitto 2-0 seppur i bianconeri non avessero fatto una prestazione trascendentale.

Cinque mesi più tardi, se la Juve ha mantenuto la sua forza e la sua compattezza, il Milan ha alzato il livello e ha recuperato in primis la faccia verso i tifosi e poi i punti e il gioco. La classifica dell’anno solare recita: Juventus 28, Napoli e Milan 25. Ritmo scudetto, con la differenza che più di mezza stagione si è già giocata e ciò non fa che aumentare i rimpianti.

Resta naturalmente insidiosissima la trasferta torinese: la Juventus ha vinto le ultime cinque gare in casa e ha perso soltanto una volta tra le mura amiche con la Lazio ormai il 14 ottobre scorso. Il Milan non vince a Torino dal 2011, proprio grazie a una rete di Gattuso, nell’anno dell’ultimo tricolore. Dulcis in fundo, allo Juventus Stadium, ora Allianz, il Milan in campionato ha sempre perso, ma è pur vero che in questo campionato i rossoneri non perdono dallo sconfortante 0-3 di Verona dello scorso 17 dicembre. Sfida interessantissima, dunque: sarà un’anticamera della finale di Coppa Italia del 9 maggio, ma saranno comunque due partite completamente diverse.

MC24  Milan, tre punti alla Gattuso. E ora, sosta benedetta

Gli infortuni di Alex Sandro, Chiellini e da ultimo di Khedira, danno qualche chances in più ai rossoneri, che dovrebbero contare sul recupero di un certo Andrea Conti, mancanza esorbitante di questa stagione complicata. Di contro, la Primavera bianconera se la passa peggio: ottavo posto a 33 punti, con il Milan a +2 che ha la possibilità di allungare ancora e restare in zona play-off. Con la speranza che poi, alle 20.45, anche i loro “colleghi” adulti, facciano altrettanto.

share on:

Leave a Response