Giocondo Martorelli parla a Milan Cafè 24 della situazione societaria del Milan, impegnato con il fondo statunitense Elliott

Giocondo Martorelli, noto ed esperto agente Fifa, ha parlato in esclusiva alla redazione di Milan Cafè 24. Una chiacchierata telefonica che ha toccato tutti i temi più caldi in casa rossonera: dal rinnovo di contratto di Mister Rino Gattuso, sino alle voci su una possibile nuova cessione del club dopo un passaggio al fondo americano Elliott. Dal tema della panchina della Nazionale Azzurra al mercato dei più importanti allenatori del nostro torneo.

Martorelli, a suo avviso Rino Gattuso, visto la media punti in rossonero, merita una riconferma alla guida del Milan?

Assolutamente sì. Io mi auguro che il Milan rinnovi il contratto a Gattuso perché è stato in grado di dare nuove motivazioni a un gruppo che con Montella sembrava ormai appiattito. Ma il mister non si è limitato solo a questo e sul campo ha portato idee tattiche e tecniche molto valide. Per questo direi che il rinnovo appare la soluzione più giusta.

Sui media sportivi in questi giorni sono comparse notizie di difficoltà di Yonghong Li e che il Milan passerà al fondo Elliott. Cosa ne pensa?

Io mi auguro innanzitutto che il Milan trovi questi 10 milioni di euro per proseguire nella gestione corrente. Poi si parla di una fase con il Fondo Elliott e sicuramente anche di possibili nuovi cordate o proprietari. Direi che Fassone ha dimostrato di avere le capacità per guidare anche una fase societaria di questo tipo. Lo stesso Mirabelli ha dato prova di buone capacità sul mercato.

MC24  Ds Napoli: "Juventus e Milan su Higuain? Sì, hanno chiesto informazioni"

Sulla panchina della Nazionale chi andrà?

Io penso che la scelta ricadrà su Carlo Ancelotti o Roberto Mancini, quindi un allenatore di provata esperienza anche internazionale.

Conte, Sarri e Allegri: è questo il valzer dei tecnici della prossima estate?

Veda in Italia dipendiamo molto nei giudizi dai risultati del campionato; per queste ragioni sicuramente i nomi che ha fatto possono essere oggetto di attenzioni e in particolar modo non credo -per quello che è in mia conoscenza- che Antonio Conte non resterà al Chelsea. Su Allegri e Maurizio Sarri dipenderà ovviamente dallo scudetto e da questo finale di stagione. Ovviamente per la Juventus anche dal risultato in Champions League.

Si ringrazia Giocondo Martorelli per la cortese disponibilità.

share on:

Leave a Response