Gianluigi Donnarumma è finito nella bufera dopo la strepitosa parata che ha fermato il diagonale di Milik e la corsa scudetto del Napoli. La parata rimarrà negli annali per la difficoltà dell’intervento, ma, molto probabilmente scriverà un pezzo di storia della nostra Serie A. E’ paradossale come una giocata da fenomeno passi in secondo piano, sorpassata dalla rabbia del popolo napoletano che quest’anno credeva davvero nel tricolore, ma che è andato a sbattere contro la mano sinistra di Gigio ed è stato rimbalzato a 6 punti dalla Juventus.

Certo, Gigio ci ha messo del suo a dare animo a questa polemica. Infatti, il portierone classe ’99 ha festeggiato quel prodigioso intervento come se lui stesso avesse segnato, mandando su tutte le furie i tifosi del Napoli che hanno pensato anche alle origini stabiesi di Donnarumma. Ma ancora meno inopportuna, agli occhi dei sostenitori azzurri, è stato il video girato da Gigio insieme al cognato e rivolto allo zio, super tifoso del Napoli, nel quale il numero 99 rossonero con tono piuttosto scherzoso si lascia andare: “Scusami, non l’ho fatto apposta: volevo togliere la mano. Ma non ci sono riuscito”.

Una polemica che, però, sembra non avere fine. Infatti, anche Gianluigi Buffon, che non è mai troppo sensibile nelle sue dichiarazioni, ci ha messo del suo nel dare nuovo fuoco a questa vicenda. Come riporta il quotidiano torinese Tuttosport, il portiere della Nazionale e della Juventus, intercettato ad un evento pubblicitario ieri sera, ha ringraziato a suo modo Donnarumma per la parata anti-Napoli, rivelando un curioso retroscena: “Stamattina ho mandato a Gigio un bel messaggio di complimenti per la parata su Milik nel finale”. Dichiarazioni che ovviamente hanno suscitato ancora più rabbia nel popolo napoletano, ma in tutto questo non si può di certo condannare Donnarumma che ha fatto ciò che andava fatto, ovvero parare, come in tutte le altre partite.

MC24  LIVE Romagnoli day - Il difensore a Linate: "Sono al club più importante al mondo". Firmato il contratto di 5 anni, allenamento in corso

Alberto Felchilcher

share on:

Leave a Response