Il centrocampista rossonero, nella sua prima del Mondiale, non brilla, così come tutta l’Argentina. 54 i minuti giocati dall’argentino.

di FRANCESCO QUATTRONE

 

L’Argentina parte con il freno tirato in questo Mondiale. Prestazione opaca e, in alcuni momenti della partita, senza idee. Il problema principale della squadra di Sampaoli è stato il centrocampo. Fiducia a Lucas Biglia, in mezzo al campo, insieme a Javier Mascherano.

Il rossonero, come ben sappiamo, è reduce da due infortuni avvenuti nel finale di campionato. Dunque non è al top della condizione fisica. Infatti, si intravede questo in campo: non riesce a dare i tempi giusti alla squadra, si abbassa molto in fase di non possesso, e ha difficoltà ad andare a contrastare gli avversari nelle seconde palle.

Nonostante ciò si impegna a cercare di dare il ritmo alla squadra, con poca, però, personalità, e prova a rendersi pericoloso in zona offensiva, questa volta è la sfortuna a giocargli contro: coordinazione perfetta, gran destro ma palla che non scende come sperava e finisce alto sopra la traversa. Voto 5. Serve recuperare in fretta il top della forma e migliorare sia in fase di possesso che non. Rimandato come alla fine tutta l’Argentina, una delle grandi favorite, che stecca alla prima.

 

share on:

Leave a Response