Il calciomercato del Milan è bloccato dalla questione societaria. La società sta cercando di portare avanti un mercato a basso profilo. Uno degli obiettivi è Badelj

DI DANIELE STAMPEGGIONI

La situazione attuale che sta vivendo il Milan sembra molto simile a quella vissuta nell’estate 2016, quando Silvio Berlusconi era sul punto di cedere il club in mani cinesi. lo stallo portò il club a fare un mercato scarno, composto principalmente da parametri zero e prestiti, l’unico acquisto fu Lapadula. A distanza di due stagione, la squadra rossonera si ritrova nuovamente sul punto di passare di mano, questa volta in quelle americane, con la dirigenza rossonera ancora una volta costretta ad un mercato di basso profilo.

BADELJ: Il centrocampista ormai ex viola è uno dei pallini di massimiliano Mirabelli. Il suo nome viene accostato ai rossoneri da diversi mesi ormai, il Direttore Sportivo ha individuato in lui il perfetto vice Biglia.

I PROBLEMI: La trattativa che porterà Badelj in rossonero potrebbe essere complicata da due fattori: Il primo, quello più grande, è legato alla mancata partecipazione alle coppe europee. Il centrocampista croato potrebbe decidere di non accettare l’offerta del diavolo e di trasferirsi altrove. Il secondo è legato alla cessione di Manuel Locatelli: il giovane centrocampista rossonero è seguito dal parma

ALTRI DUE COLPI: In caso di arrivo del centrocampista croato, al diavolo basterebbero due colpi, tre in caso di cessione di un esterno, per completare la rosa. In attacco è previsto lo sforzo maggiore, cercando di cedere uno  tra kalinic e Andrè Silva, l’attaccante croato potrebbe trasferirsi al Siviglia. Il candidato principale si chiama Ciro Immobile, l’attaccante laziale ha già dato la disponibilità al trasferimento

 

share on:

Leave a Response