Con Tassotti ultimo capitano romano, quante analogie…

di Matteo Anobile

Real-Milan sarà la prima partita di Alessio Romagnoli con la fascia da capitano in uno stadio europeo, un vero e proprio tempio del calcio: il Santiago Bernabeu. Alessio sarà il primo capitano “romano” del diavolo, anche se tale affermazione non è esatta. Prima di lui una bandiera del Milan ( di Roma), ha indossato svariate volte la fascia da capitano:risponde al nome di  Mauro Tassotti.

Entrambi romani, Tassotti è di Roma città quartiere di San Basilio, mentre Alessio è di Anzio paese del litorale capitolino. Un altro punto che li accumuna è il mese di nascita, ovvero gennaio. L’ex terzino è nato il 19 mentre Romagnoli il 12, anche se con trentacinque anni di differenza. Alessio ha eriditato la fascia da Bonucci, meritandosela con i numeri conquistati con la maglia del diavolo che indossa dal 2015. Centoundici presenze in rossonero, con cinque reti.

Tassotti da bambino era tifoso romanista, cresciuto nelle giovanili laziali, mentre il numero 13 l’opposto del mitico Tasso. E’ vero che l’ex terzino rossonero era vice capitano, di un certo Franco Baresi, ma quando è salito di grado ha scritto la storia alzando la quinta di fronte al Partenone e in faccia a Romario e Stoickov. Con l’augurio che Doah sia stato solo l’antipasto per Alessio e in futuro seguirà le orme del Tasso.

share on:

Leave a Response