Ecco la conferenza stampa di oggi in occasione della partita di domani contro il Cagliari. Il Mister ha fiducia nella squadra

di SARA PELLEGRINO

 

Come hai preparato la partita Cagliari vs Milan. E’ solo Cagliari vs Milan oppure è la prima delle 7 partite che ci aspettano in 21 giorni? ‘’Cagliari vs Milan, le altre partite arriveranno dopo. Domani giochiamo con una squadra molto difficile, in un campo molto difficile. Ci sono state le Nazionali, alcuni giocatori sono mancati e alcune perplessità rimangono sempre. Domani bisogna fare una grande partita e dimenticare quello che abbiamo fatto due settimane fa e migliorare quelle cose che ancora non facciamo nel migliore dei modi.

Un commento su Donnarumma che ha fatto ottime partite in Nazionale. ‘’Da lui mi aspetto tanto. Il fatto che ci sia Reina è positivo penso che Donnarumma debba fare un copia e incolla da lui perché Reina è un grande professionista. Adesso Donnarumma deve pensare solo a lavorare e lasciar perdere quello che scrivono e che dicono. E’ ancora giovane e possiede grandi margini di miglioramento’’.

Stamattina Pirlo ha speso qualche considerazione sul Milan dicendo che è la squadra che gli piace di più perché sta giocando bene e che Gattuso è un buon allenatore. In queste 7 partite da disputare in 21 giorni vuoi lanciare un messaggio al mondo esterno? ‘’Noi non dobbiamo lanciare nessun messaggio. Dobbiamo pensare a fare bene le cose che vogliamo fare. A me i complimenti non piacciono tantissimo. Prima della partita di Roma si diceva che la squadra non fosse brava e che l’allenatore non capisse niente. Poi dopo Roma ci hanno fatto i complimenti. Noi dobbiamo mettere da parte i complimenti e pensare a lavorare con grande voglia e professionalità cercando di mantenere un ottimo livello per tutti i 90 minuti. Se pensiamo ai match precedenti abbiamo avuto un po’ di sbandamento a livello fisico e mentale. Anche con la Roma abbiamo fatto una bella partita ma rischiavamo di perdere. Domani giocheremo con una grande squadra mantenendo una certa lucidità e continuare a fare quello che dobbiamo fare altrimenti le partite rischiamo di perderle.

Per alcuni come Castillejo, Bakayoko, Musacchio prosegue la loro crescita all’interno del Milan?’E’ difficile scegliere chi far scendere in campo in questo momento perché si tratta di una squadra in cui tutti si allenano con grande professionalità e per questo non sono preoccupato delle partite che giocheremo in questi 21 giorni perché tutti i giocatori ci possono dare una mano, anche da titolari’’.

Higuain è un leader, Riesci a percepire la sua voglia di fare goal?’Nell’amichevole contro la squadra Pro Piacenza ha avuto 4/5 occasioni e sembrava l’uomo più arrabbiato al mondo. Questo è lui perché gli piace molto fare goal e quando non ci riesce comincia ad irritarsi. Ma questo fa capire che Campione è’’.

Il gruppo è molto giovane. Uno dei più grandi è Higuain. Può essere da un punto di riferimento negli spogliatoi visto negli anni scorsi è mancato? ‘’Penso che possa essere lui. Anche Romagnoli è cresciuto molto. Reina, è un leader. Quando uno deve essere leader deve essere coerente. Anche Leo Bonucci ci ha dato una grande mano l’anno scorso. Higuain e Reina stanno dando qualcosa in più ai ragazzi’’.

In difesa ci dobbiamo aspettare ancora Musacchio? ‘’Vediamo. Ma state facendo solo del male a Caldara. Non si può giudicare un giocatore come hanno fatto i media. Viene da una cultura diversa e non è giusto giudicarlo. Per me, e per lo staff, Caldara non è un problema. Anzi penso che possa dare molto alla squadra’’.

A proposito di Caldara, ha fatto bene Mancini a schierarlo in una difesa a 4?’Non riesco a giudicare me stesso, non voglio giudicare gli altri’’.

 

share on:

Leave a Response