Il nuovo osservatore del Milan ha parlato ai microfoni di Milan Channel, affrontando diversi temi

Mauro Tassotti, ex vice allenatore rossonero e attuale osservatore dei giocatori in prestito, ha parlato ai microfoni di Milan Channel: “Sono qui da 35 anni. Quest’anno è cambiato qualcosa, prima o poi doveva succedere. Sono stato fortunato a far parte dello staff tecnico per così tanti anni. Ora sono contento di aiutare il Milan per capire quali giocatori devono rimanere nell’orbita rossonera. Se mi è mancato non essere al raduno? L’ho avvertito, ma ho cercato di leggere il meno possibile. Sono uno che si emoziona difficilmente, ho cercato di estraniarmi. Con Galliani ci siamo incontrati due volte, mi ha prospettato le varie possibilità, ci ho pensato qualche giorno e poi ho preso le mie decisioni. Lavorerò per evitare che ci sfuggano ragazzi come Darmian.

L’ex terzino rossonero parla poi dei nuovi arrivati: “Son stati presi giocatori in grado di cambiare volto alla squadra, vedremo come si adatterà gente come Bacca e Luiz Adriano. Romagnoli? Si parla tanto, è un giocatore importante. Il costo eccessivo è relativo, se mantiene le promesse anche a 15-20 milioni può essere un buon affare. Il suo arrivo permetterebbe al Milan di restare coperto nel ruolo per diversi anni”.

Poi una battuta su De Sciglio: “Credo sia stato frenato dagli infortuni. A destra può fare meglio, a sinistra ha bisogno di tempo per il cross. Mattia ha tutte le qualità tecniche e morali per tornare ai livelli che tutti ci aspettavamo. Stessa cosa è successa a El Shaarawy.

@PepLandi

share on:

Leave a Response