Splendida vittoria del Milan a San Siro col Chievo Verona: sugli scudi Higuain, Suso e Biglia

Di F.M.

È un Milan in netta crescita -soprattutto in attacco- quello visto nelle ultime tre uscite. I ragazzi di Rino Gattuso hanno rifilato 4 gol al Sassuolo, 3 ai Greci dell’Olympiacos e altri 3 al Chievo.

In particolare il campionato italiano è sempre molto tattico e difficile nella interpretazione delle gare; intendiamoci, sappiamo bene di non aver affrontato Paris Saint-germain, Barcellona o Manchester City, ma il progresso rispetto all’inizio di stagione appare evidente.

Higuain timbra il cartellino da vero bomber e trascinatore in ogni partita e la sua intesa con lo spagnolo Suso sta crescendo di gara in gara. Bonaventura si conferma come uomo di cucitura tra i reparti e anche capace di realizzare qualche gol.

All’appello ora manca solamente di ritrovare la vena in Calhanoglu per completare il lineup offensivo nel diavolo. Tutto questo alla vigilia della sosta per le Nazionali che vedrà impegnato l’ottimo giovane Cutrone.

Mentre Higuain potrà concentrarsi sugli allenamenti a Milanello in vista del Derby di fine mese.

Partito con buone aspettative nei pronostici della critica sportiva, il Milan di Gattuso sta trovando in Gonzalo Higuain il leader che mancava per far fare un salto di qualità importante alla rosa.

Specialmente in un torneo in cui i tre punti diventano fondamentali. Nel frattempo Leonardo si è già proiettato sul calciomercato invernale e ha individuato nel brasiliano Paqueta‘ del Flamengo un rinforzo che sarebbe la ciliegina sulla torta.

Non tralasciamo la suggestione del ritorno del Re Ibrahimovic – farebbe la gioia dei supporter rossoneri- che con lui davvero sognano il ritorno in Champions League in grande stile.

Tanto di cappello al fondo Elliott che ha saputo mettere da subito pedine importanti con Scaroni, Leonardo e Maldini, riportando il Milan alle antiche e consuete sicurezza della gestione Fininvest con la famiglia Berlusconi.

Da troppi anni i tifosi rossoneri soffrono con una squadra che si piazza appena nella metà alta della classifica: parafrasando Silvio Berlusconi “dopo tanti anni passati a pasteggiare col caviale ci può stare un po’ di dieta”.

Beh, il Milan di Higuain e del fondo Elliott sembra intenzionato a bandire nuovamente una tavola sontuosa…

share on:

Leave a Response