Polemiche accese contro la distinzione sociale tra uomini e donne in Arabia Saudita. Anche Barbara Berlusconi ha rilasciato alcune dichiarazioni

 

di SARA PELLEGRINO

 

Sono tante le polemiche che stanno venendo fuori negli ultimi giorni in seguito al comunicato di Lega Serie A riguardo l’acquisto dei biglietti della Supercoppa italiana in data 16 gennaio. Infatti bisognerà adeguarsi e tenere conto delle regole imposte nei  paesi orientali come l’Arabia Saudita. Il fatto che ha suscitato scandalo è che la presenza del pubblico femminile sarà limitata solamente in un settore del King Abdullah Sport City Stadium a Gedda. Inoltre i settori indicati come ‘singles’ saranno riservati agli uomini, mentre quelli indicati con ‘families’ saranno misti, riservati ad entrambi i sessi.

E intanto il Presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, ha cercato di dare spiegazioni al riguardo sottolineando come il calcio debba essere un mezzo di unione e comunanza tra i popoli e che bisogna rispettare le leggi del paese ospitante che non possono essere cambiate dal giorno alla notte.

Anche Barbara Berlusconi, ex Presidente di Fondazione Milan, è intervenuta riguardo questa tematica ed ha rilasciato un messaggio per il Fatto Quotidiano:

‘’Penso che questa partita non doveva essere organizzata in un Paese in cui non c’è rispetto per la condizione femminile. La storia però ci ha insegnato che boicottare eventi sportivi ormai previsti non è stato mai utile. Per questo ritengo che la partita possa essere un’occasione per accendere un faro ulteriore su quello che accade in molti Paesi islamici e che possa essere di aiuto anche per iniziare ad abbattere tradizioni e divieti non più tollerabili. Stupisce vedere che quasi tutti i Governi occidentali fanno finta di non vedere ciò che regolarmente accade sul tema dei diritti civili, non solo femminili. Questi stessi Stati occidentali sviluppano regolari relazioni commerciali con chi invece andrebbe sanzionato per i propri comportamenti. Solo al calcio, invece, è assegnato da sempre il compito di salvare il mondo”.

share on:

Leave a Response