Il primo aprile si festeggiano i compleanni di: Sacchi,Zaccheroni e Seedorf, volti di un Milan vincente

DI MATTEO ANOBILE

Senza volerlo il destino crea delle coincidenze astrali che ci inducono a dire: “Va che casualità!?!!” e qui la casualità ci ha messo dolcemente lo zampino, ossia il 1° aprile (non è un pesce) sono nati: Arrigo Sacchi, Alberto Zaccheroni e Clarence Seedorf che in tre hanno vinto 18 trofei con il Milan. Sacchi, romagnolo di Fusignano arrivato dal Parma, voluto da Berlusconi nel 1987, con il suo credo calcistico ha trasformato l’utopia in realtà. I suoi must sono  la marcatura a zona, il pressing a tutto campo e tutti all’attacco, in un calcio dove l’imperativo era non prenderle. Arrigo si poteva definire un deviante, o meglio un innovatore, tanto che all’estero scrivevano: “abbiamo scoperto un nuovo modo di interpretare il calcio”. Un altro romagnolo di Cesenatico è Alberto Zaccheroni, arrivato a guidare il diavolo nell’estate del 1998 dall’Udinese, dopo due anni fallimentari (10° e 11° posto) con una squadra depotenziata, rispetto al Milan di Sacchi e Capello. Eppure si  è affidato ai senatori Maldini,Costacurta e Albertini aggiungendoci, Helveg e Bierhoff, applicando il suo credo calcistico il 3-4-3 e senza che nessuno glielo chiedesse, portò a casa il 16° scudetto, quello del centenario. Dopo i due protagonisti della panchina, ecco quello in campo, arrivato dall’Inter grazie alla lungimiranza dell’entourage rossonero che lo ha fortemente voluto: Clarence Seedorf .L’olandese grazie alla sua intelligenza tattica, e supportato da una classe immensa, nel Milan diventa il leader in campo. Ha giocato in tutte le posizioni del centrocampo, sempre a testa alta. Protagonista delle due Champions vinte (2003/2007). Assieme a Kakà si diverte a illuminare San Siro. Eppure l’esigente platea di San Siro si è pure permessa di fischiarlo, ignara di cosa sarebbe andata incontro qualche anno dopo. Ma il vero rossonero non dimentica chi ha scritto la storia per i nostri colori. Auguri di cuore a tutti e tre!

 

share on:

Leave a Response