Milan-Juve composta da 11 doppi ex….

DI MATTEO ANOBILE

Stilare formazioni storiche è sempre stato la mia passione, ora mi vorrei cimentare stilando le formazioni del Milan e di altre squadre italiane, composte tutte da doppi ex.Prenderà il nome di rubrica dei doppi ex. Vista la concomitanza dell’anniversario della finale di Manchester del 28 maggio 2003, la prima sfida sarà: Milan-Juventus.
Cominciamo: con il modulo, un classico 4-3-1-2, senza tanti fronzoli, ma con il fantasista come piace a me. In porta: ABBIATI, con i rossoneri ha fatto incetta di trofei, con i bianconeri campione d’Italia nel 2005/06 scudetto poi revocato per via di calciopoli. In difesa a destra DE SCIGLIO, lanciato dai rossoneri in prima squadra da Allegri, dopo cinque anni di Milan, lo ha voluto con se alla Juve. Centrali di difesa, VIERCHOWOD, con la maglia della Juve ha vinto la Champions League nel 1996. La stagione successiva si è vestito di rossonero, ma a Milano ha avuto una stagione disgraziata, una delle peggiori dell’era Berlusconi. A fare coppia con il mastino di Calcinate, BONUCCI che dopo sette anni di Juve ha tentato di spostare gli equilibri in rossonero, per poi ritornare a Torino. Terzino sinistro: ALESSANDRO ORLANDO, non tanto famoso, ma capace di vincere due scudetti consecutivi. Nel 94 con il Milan, nel 95 con i bianconeri, dimostrandosi duttile in entrambe le compagini. Centrocampo a tre: mediano destro, BENETTI, alla Juve nel 68-69 e dal 76 al 79 ritornò in cambio di Capello. Dal 1970 al 1976 ha vestito la casacca del diavolo. In mezzo al campo: il maestro: ANDREA PIRLO, al Milan dal 2001 al 2011, dove ha vinto due Champions (2003/2007 fra i tanti trofei alzati) alla Juve dal 2011 al 2015 (cinque scudetti). Il giocatore che per visione di gioco è stato quello di maggior classe. A comporre il trio di centrocampo, CAPELLO, a Milano protagonista dello scudetto della stella, all’ombra della Mole, tre titoli iridati. Il fantasista non poteva non essere: ROBERTO BAGGIO, il codino che Galliani accostò a Raffaello. Davanti, ZLATAN IBRAHIMOVIC, tornato rossonero nel gennaio 2020, dopo aver vestito la maglia del diavolo, dal 2010 al 2012, vincendo uno scudetto. Con i bianconeri ne vinse due entrambi revocati, nel 2005 e nel 2006. A fare coppia con lo svedese, metto INZAGHI, lanciato dai torinesi, ma le più grande gioie le ha avute in rossonero. Allenatore MAX ALLEGRI, protagonista dell’ultimo scudetto del Milan che però a Torino è diventato un allenatore di fama mondiale.
Ricapitolando la formazione: Abbiati, De Sciglio, Vierchowod, Bonucci, Al.Orlando, Benetti, pirlo, Capello, Baggio, Ibrahimovic, Inzaghi. Purtroppo non c’è stato spazio per: Virdis, Di Canio e Altafini, ma in campo ci vanno in undici.

share on:

Leave a Response