Della notte di semifinale al San Paolo rimarranno impresse queste immagini di Rino Gattuso

Servirebbe una melodia di Pino Daniele per accompagnare il Napoli che vola in Finale di Coppa Italia ‘con e per‘ il suo mister Rino Gattuso. Un bacio a Francesca, uno scatto di Insigne e un guizzo di Mertens, e poi tutti i suoi giocatori a blindare il fortino –sudando e combattendo– per mantenere il risultato e respingere gli assalti dell’Inter di Conte.

In una notte sotto le stelle e il Vesuvio vince il cuore, vince un guerriero di mille battaglie – ferito ma non piegato- che di questo Napoli di transizione è il collante. In una sola partita si concentrano tante emozioni per una ripartenza forse insperata, tante storie di calciomercato in entrata e in uscita, ma resta soltanto un vincitore: è Rino Gattuso.

Da giocatore è stato Campione del Mondo con l’Italia, ha alzato Champions League e vinto Scudetti come leader del Milan, e poi la sua passione per il pallone lo ha spinto in panchina in Italia come all’estero. Lo ha fatto sempre non nascondendo da dove veniva: è stato più umile di tanti suoi colleghi, più disponibile sempre verso il prossimo. Ha combattuto, ha gridato a squarciagola, poi si è commosso in una lacrima sul viso. Onore a Rino: ora conquista un’altra finale a Roma!

share on:

Leave a Response