L’ad rossonero paragona Mihajlovic e Capello, e si dice orgoglioso di avere in squadra quattro terzini cresciuti nel vivaio

Queste le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani in esclusiva a Milan Channel: “Difficile che il calcio si ripeta in maniera totale, mi sembra una stagione di grande rinnovamento, piena di buone cose, una stagione con tanta volontà, certamente l’inizio di un nuovo ciclo. Noi sappiamo di avere più di 100 milioni di tifosi in Asia, sappiamo con quanta passione siamo seguiti, siamo stati 4 anni fa a Pechino in occasione della Suppercoppa italiana e anche lì ci hanno fatto vedere un grande tifo. Il Milan ha ben giocato nel derby, ha creato diverse occasioni da gol, i nuovi giocatori si sono inseriti molto bene, resta la perla incredibile di questo gol di Mexes, che fa pochi gol ma tutti d’autore. Mihajlovic è una novità assoluta, se devo dire chi mi ricorda di più, anche se parzialmente, direi Fabio Capello. Il nostro capitano si è ripreso dopo un brutto infortunio capitato con la Nazionale, un infortunio che gli ha impedito di giocare la scorsa stagione, adesso è guarito completamente, gli è stato tolto quel ferro e quindi credo che sarà una pedina importante. Non c’è solo Calabria, c’è anche Donnarumma, pensare che i 4 difensori di fascia: Abate, Calabria, Antonelli e De Sciglio sono cresciuti tutti nel nostro settore giovanile è motivo di grande orgoglio”.

Fonte: acmilan.com

share on:

Leave a Response