Fassone lavora alacremente a un piano che permetta al Milan di spendere ma anche di rispettare i parametri del FFP. Sogno Aubameyang.

Closing all’orizzonte? Il Milan del dopo Berlusconi sembra iniziare a muoversi: se per il mercato c’è comunque ancora tempo, la priorità della nuova proprietà rossonera saranno alcuni rinnovi di contratto cruciali, tra cui quelli di mister Montella e Gigio Donnarumma. Il tecnico e il portiere di Castellammare come primi pilastri su cui iniziare a costruire, ma prima servirà un preciso e puntuale piano economico-sportivo della nuova società: uno dei primi compiti del d.g. Fassone, infatti, sarà presentare alla UEFA un piano che permetta al Milan di rispettare i parametri del Fair Play Finanziario.

Fassone ha un obiettivo cruciale: permettere al Diavolo di coniugare la quadratura dei conti voluta dall’UEFA e un massiccio rafforzamento della rosa. Anche perché Yonghong Li è ambizioso e, a closing ultimato, vorrebbe garantire alla nuova dirigenza un budget importante: tra i 100 e 150 milioni di euro – scrive stamane La Gazzetta dello Sport. Il primo nome sulla lista del futuro d.s. Mirabelli, oltre al già noto difensore Musacchio, è quello di Pierre-Emerick Aubameyang: per il talentuoso centravanti del Borussia Dortmund e del Gabon, cresciuto nel vivaio rossonero, si tratterebbe di un ritorno.

MC24  La verità di Witsel: "Lo Zenit non ha voluto cedermi per mancanza di sostituti"
share on:

Leave a Response